DIFFERENZE TRA MICROCEMENTO E CEMENTO ELICOTTERATO

I componenti
Per prima cosa bisogna distinguere tra cemento, malta di cemento e calcestruzzo. Il cemento è un componente sia della malta che del calcestruzzo e funziona da conglomerante. La malta si ottiene mescolando sabbia e acqua con cemento, e il calcestruzzo è una malta di cemento alla quale si aggiunge ghiaia.

Sebbene tutte quante siano soluzioni per fare pavimenti, il microcemento è continuo, mentre il cemento elicotterato, il calcestruzzo stampato e il calcestruzzo frattazzato sono discontinui (necessitano di giunte di dilatazione).
Differiscono anche per avere diversi spessori e per incrementare o meno in maniera significativa il peso del pavimento. Mentre le soluzioni in calcestruzzo sono superfici in sè, il microcemento e la malta sono rivestimenti.

CALCESTRUZZI

Sia il calcestruzzo elicotterato, che il calcestruzzo stampato, che il calcestruzzo frattazzato sono costituiti da una lastra di calcestruzzo armato alla quale si applica un trattamento superficiale per ottenere la finitura definitiva.

CALCESTRUZZO FRATTAZZATO

D’altra parte, il calcestruzzo frattazzato consiste nell’applicazione di un trattamento superficiale per ottenere la finitura definitiva, ma sopra al calcestruzzo totalmente risanato. Consiste in un processo meccanico di distruzione e pulitura grazie al quale si liscia la superficie con pulitrici con teste di diamante, lasciando a vista la sezione di sabbie che compongono il calcestruzzo, l’aspetto finale è simile a quello di un terrazzo alla veneziana.

CALCESTRUZZO STAMPATO

Invece, nel caso di calcestruzzo stampato si esegue uno stampaggio. Entrambi si eseguono durante il processo di presa (processo di indurimento del calcestruzzo).

CALCESTRUZZO ELICOTTERATO

Nel caso di calcestruzzo elicotterato , si esegue una levigatura meccanica con elicottero.

MICROCEMENTO

Da un lato, il microcemento è un rivestimento che si applica sia alle pareti che ai pavimenti, ha uno spessore approssimativo tra i 2 e i 3 mm, non ha bisogno di giunte e non presenta fessure. Aderisce molto bene a qualsiasi materiale, si applica con una spatola di acciaio o di gomma.

MALTA

La malta frattazzata corrisponde alla lisciatura che si esegue in modo manuale su un rinzaffo (strato di malta di circa 2 cm di spessore impiegato per rivestire una parete)

IN QUESTA TABELLA RIASSUMIAMO LE CARATTERISTICHE E METTIAMO A CONFRONTO LE DIFFERENZE, OLTRE ALLE POSSIBILI APPLICAZIONI.

CARATTEREISTICHE SUPERFICIE SPESSORE GIUNTE PESO IDEALE PER:
Microcemento Rivestimento continuo applicato con spatola Pareti e pavimenti 2 – 3 mm. Non ha bisogno di giunture 0,01 Kn/m2 Rinnovi senza sgomberi, coprire piastrelle, rivestimenti di mobili…
Calcestruzzo stampato o cemento stampato Trattamento superficiale dello strato di calcestruzzo allo stato plastico Pavimenti 5 -10 cm/td> Massimo ogni 25 m2 (e=10 cm) 2,50 Kn/m2 Ideale per parchi o viali ppubblici. Con finitura rustica simula la pietra.
Calcestruzzo frattazzato o cemento lisciato Trattamento superficiale dello strato di calcestruzzo già indurito Pavimenti 5 -10 cm Massimo ogni 25 m2 (e=10 cm) 2,50 Kn/m2 Aspetto molto simile a un terrazzo alla veneziana. Finitura liscia, ideale per pavimenti di grandi superfici.
Calcestruzzo elicotterato o cemento elicotterato Trattamento superficiale dello strato di calcestruzzo durante il processo di presa pavimenti 5 -10 cm Massimo ogni 25 m2 (e=10 cm) 2,50 Kn/m2 Con finitura liscia, ideale per parcheggi e grandi superfici.
Malta frattazzata Rivestimento della lisciatura manuale di un rinzaffo Pareti 2 cm Massimo ogni 25 m2 (e=2 cm) 0,50 Kn/m2